Dalle vetrine per i gelati al trattamento delle acque reflue: così Simest sostiene il Made in Italy

News

Dalle vetrine per i gelati al trattamento delle acque reflue - Il sole 24 ore

Il Sole 24 Ore – Impresa & Territori
05/07/2017
di Celestina Dominelli
http://www.ilsole24ore.com

Simest conferma il suo ruolo di sostegno alle imprese che cercano uno sbocco oltreconfine. Così, a giugno, la controllata di Cdp ha finanziato 28 aziende per imprese commerciali in 17 paesi. Tra le mete principali figurano Brasile, Emirati Arabi Uniti, messico e Usa. Le risorse messe in campo dalla società guidata da Andrea Novelli ammontano a 8,4 miliardi di euro e hanno riguardato, tra l’altro, sei inserimenti sui mercati extra-Ue e 7 patrimonializzazioni a favore di piccole e medie e imprese.

Tra le aziende finanziate ci sono, per esempio, la Chematek di San Vittore Olone: società chimica milanese specializzata nella fornitura di impianti e prodotti per le industrie cosmetiche, farmaceutiche e petrolifere. Grazie ai 2,4 milioni di euro messi a disposizione dalla Simest, Chematek ha creato una branch australiana che ha firmato un accordo di distribuzione in esclusiva dei prodotti a marchio Eni. Inoltre commercializzerà impianti e prodotti per il trattamento delle acque interamente made in Italy.

Un finanziamento di 400mila euro è stato poi assicurato alla Label di Parma, che progetta e produce automazioni e serramenti per porte automatiche, ingressi specializzati per il settore ospedaliero e porte tagliafuoco: grazie alla spinta di Simest, consoliderà la sua presenza in alcuni mercati esteri (Germania, Regno Unito e Medio Oriente). Mentre la Ekosystem di Desio, che si occupa di impianti per il trattamento del poliuretano espanso, sta pianificando un investimento commerciali negli Emirati Arabi e ha chiesto a Simest di supportarla, con 100mila euro, nello studio di fattibilità. Infine, la Clabo di Jesi, primo produttore mondiale di vetrine refrigerate per la conservazione e l’esposizione del gelato artigianale – che annovera, tra i suoi clienti, colossi del calibro di Nestlè, Haagen Dazs, Grom ed Eataly – ha ottenuto un finanziamento di 100mila euro per partecipare a fiere di settore in Cina (dove è gia partner di Simest) e in Brasile.